Le cause

Da: Jorge Luis Borges “Conversazioni Americane” a cura di Willis Barnstone, 1984
cit. pag. 70

Le cause
Tramonti e generazioni,
giorni di cui nessuno fu primo.
Freschezza dell’acqua nella gola 
di Adamo. L’ordinato paradiso.
L’occhio decifrante le tenebre.
All’alba, l’amore dei lupi.
La parola. L’esametro. Lo specchio.
La torre di Babele e la superbia.
La luna osservata dai Cadei.
Le sabbie innumerevoli del Gange.
Zhuang-zi e la farfalla che lo sogna.
Le mele d’oro delle isole.
I passi del labirinto errante.
La tela infinita di Penelope.
Il tempo circolare degli stoici.
La moneta in bocca dell’uomo morto.
Il peso della spada sulla bilancia.
Ogni goccia d’acqua nella clessidra.
Le aquile, i fasti, le legioni.
Cesare nel mattino di Farsalia.
L’ombre delle croci sulla terra.
Gli scacchi e l’algebra del persa.
Le tracce delle lunghe migrazioni.
I regni conquistati a suon di spada.
La bussola incessante. Il mare aperto.
L’eco dell’orologio nella memoria.
Il re giustiziato con un ascia.
L’incalcolabile polvere che fu eserciti.
La voce dell’usignolo in Danimarca.
La scrupolosa linea del calligrafo.
Il volto del suicida nello specchio.
La carta del baro. L’oro avido.
Le forme della nube nel deserto.
Ogni arabesco del caleidoscopio.
Ogni rimorso e ogni lacrima.
Occorsero tutte quelle cose
affinché le nostre mani si incontrassero.
“Le nostre mani si erano finalmente incontrate, e io ero conscio del fatto che, perché possano accadere queste cose era necessario tutto il passato. Quando avviene qualcosa, questo qualcosa è stato 
provocato dal profondo e insondabile passato, dalla catena di cause ed effetti,
e ovviamente non esiste una prima causa. Ogni causa è l’effetto di un altra.
Tutte le cause si espandono all’infinito…questa poesia dice il vero: e cioè che tutto il passato,
tutto l’insondabile passato è servito per giungere a questo particolare momento. Quindi il passato viene giustificato. Se c’è un momento di felicità, di umana felicità, questo è dovuto alle numerose e terribili cose precedenti, ma anche alle molte cose belle.
Il passato ci forma, lo fa continuamente. Io penso al passato non come a qualcosa di spaventoso,
ma come a una specie di sorgente.
E tutte le cose nascono da questa sorgente.”
Des Caresses – 1896 – F.Khnopff

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...