"Dalle Parole al Dialogo"

Da “Dalle Parole al Dialogo” di Giuseppe Colombero
[…]..”secondo Heidegger le cose tutte chiedono di essere dette; le parole sono i loro nomi; nominandole, l’uomo le chiama, alita un’anima nella loro vita inerte.
La parola non crea l’essere delle cose, ma le rende presenti, le ri-crea;
e tu sei detto alla cosa. L’universo delle idee e delle cose si offre a chi conosce le parole;
esse si donano a chi sa chiamarle per nome…Dialogare con qualcuno è sempre immergersi poco o tanto in un mondo diverso, nel mondo della sua voce, dei suoi fatti, problemi, emozioni..;
con o senza resistenza la mente viene svincolata dai propri contenuti e rivolta ad altro; si distolgono gli occhi dallo sguardo ossesivo sulle proprie idee e si posano su oggetti diversi.
La vita si dilata aggiungendovi pensieri.”[…]
[…]”Le parole non lasciano mai le cose come stanno, l’uomo non possiede nulla che abbia il potere delle parole; esse possono cambiare una vita, nel bene e nel male.
C’è una parola che costruisce e una che abbatte; 
una parola che ri-crea, infonde vita e una che la spegne; una che diffonde luce e una che diffonde buio; vi è una parola per cui tutto incomincia e una per cui tutto finisce. 
Vi è una parola giusta e una sbagliata, una parola buona e una cattiva.
Ciascuno di noi le possiede entrambe perché può costruirle entrambe; di volta in volta si da la preferenza all’una o all’altra, e ogni volta che si conversa con qualcuno si viene sfidati nella scelta,
sul campo della preferenza, che diamo alla parola buona o alla parola cattiva, alla voglia di amare o alla voglia di graffiare.[…]
[…]Ma qual’è la parola giusta? Perché la stessa parola era giusta ieri ed è sbagliata oggi? Giusta per una persona e sbagliata per un altra? Giusta se detta da una persona e sbagliata se detta da un altra? Giusta se detta in un modo e sbagliata se detta in un altro? Perché la parola che credevo giusta, appena pronunciata si è rivelata sbagliata? Perché in certe circostanze non ci sono parole giuste, ma tutte sono sbagliate e l’unica parola giusta è quella non detta, cioè il silenzio?
……….
La parola giusta nasce sul terreno di atteggiamenti positivi che sono sempre indispensabili: rispetto, parità, empatia, autenticità, comprensione. La parola giusta è frutto di attenzione ai vari elementi che concorrono a creare quel determinato incontro in cui viene detta: il momento, il luogo, i bisogni della persona con la quale si parla, il suo stato d’animo…la sua recettività…
………….
La persona che possiede le parole giuste ha una singolare proprietà: la capacità di fare attenzione; è una persona capace di vedere e di sentire. La parola giusta è sempre una parola attenta.”[…]
Attention is the rarest and purest form of generosity – Simone Weil

Dire è vedere chiaro, rivelare se stessi, ma è anche invito alla rivelazione; la parola è il luogo dell’incontro, dove si dilatano i pensieri fino a toccare quelli degli altri…gli altri da me, che ho ricercato per tutta la vita, e che non smetterò mai di cercare attraverso le modalità più autentiche della mia esistenza… l’attesa e l’amicizia.
Ancora da Colombero…sulla sorpresa
“Si vive questa sensazione con intensità particolare quando si viaggia in treno seduti in direzione in cui va il treno, vicino al finestrino: come un fiume le cose vengono incontro;
appaiono da lontano, minuscole, si avvicinano, si fanno più grandi, inondano gli occhi; si rivelano nella verità della loro figura e dei loro colori;
si ha l’impressione di non essere noi ad andare verso di loro, ma loro a venire verso di noi, quasi addosso, come un’onda alta che si rovescia su di noi.
Se di tanto in tanto si guarda anche dal finestrino opposto, si ha proprio la sensazione di solcare un mare di cose, come se si fosse su una nave:
prati, alberi, messi, casolari, persone, macchine, fiumi, ponti, binari, colline, scogliere, paesi…,da una parte e dall’altra. Andare è incontrare.
E’ una grande fortuna riuscire a conservare il potere e l’attesa di essere stupiti.
Se si è seduti in direzione opposta a quella in cui va il treno,
non si ha questa sensazione perché non si va incontro alle cose, ci si separa da esse; appaiano all’improvviso non davanti, ma di fianco, da dietro le spalle e subito scivolano via.
Scorgerle e vederle allontanarsi è la stessa cosa; nel momento stesso in cui appaiono, dileguano;
non si vedono venire incontro, sempre più grandi;
si vedono solo allontanarsi, farsi subito piccole e scomparire.
Non vengono; vanno.
Non si ha allora la festa di andare verso di esse con occhi e animo ben aperti e voraci; c’è invece la malinconia d’un incontro insistentemente offerto e sempre perduto.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...